diamond cut

Come riconoscere il taglio delle pietre

 

Diamanti, smeraldi o rubini e tutte le altre gemme possono essere tagliate in molti modi diversi. E non è facile ottenere una pietra perfettamente tagliata che esalti il suo colore e la sua brillantezza. Ma quante volte ti capita di imbatterti in descrizioni di gioielli senza sapere cosa significa ogni forma?

tabella tagli diamanti

Baguette. Il taglio “baguette” è diventato popolare durante il periodo Art Deco. Ricorda il tipico pane francese, che ha una forma lunga e rettangolare con angoli ottagonali e 14 sfaccettature ad ogni estremità: questo crea effetti particolari quando viene indossato come gioiello. E’ un taglio che non è facile da utilizzare in gioielleria.

Brillante o rotondo. Il taglio brillante è la forma più popolare per i diamanti, in parte perché migliora la capacità di diffrazione del diamante. Questo permette a più luce di essere diffusa e riflessa da ogni sfaccettatura che si traduce in un aumento della brillantezza. Rappresenta fino al 75 per cento dei diamanti venduti.

Briolette. Il taglio briolette è tra i più conosciuti e spesso utilizzato per realizzare pendenti per collane o orecchini. Questa forma può essere descritta come una goccia, ma sfaccettata.

Ovale. Per molti anni si è pensato che il taglio ovale fosse una forma antica e standard. Tuttavia, questo non è vero: è stato sperimentato solo a partire dal 1960. La pietra preziosa di forma ovale ha un disegno simmetrico con 56 sfaccettature. 

Cuore. Il taglio a cuore è una forma a pera con una piega verso l’interno nella parte superiore. Spesso usato per enfatizzare il romanticismo, non è facile da realizzare: di solito richiede pietre piuttosto grandi e molta lavorazione; ma c’è chi, come l’azienda italiana Recarlo, usa questo taglio anche per diamanti di piccole dimensioni.

Asscher. Il taglio Asscher prende il nome dalla società commerciale di diamanti con sede ad Amsterdam, fondata nel 1854 dalla omonima famiglia. Joseph Asscher ha progettato questa forma nel 1902, combinando un taglio smeraldo con il taglio rotondo per creare una simmetria estrema.

Cuscino. È facile da trovare sui gioielli antichi, prende ispirazione dal taglio Old Mine del diciottesimo secolo. E’ un taglio a forma di cuscino con 58 sfaccettature. Gli angoli sono arrotondati e le sfaccettature più grandi del taglio brillante.

Marquise. Secondo la leggenda, sarebbe stato inventato a corte e commissionato da Re Luigi XIV per la sua amante Jeanne Antoinette Poisson, meglio conosciuta come madame Pompadour. Il taglio è una forma allungata che arriva a un punto a entrambe le estremità, con lati leggermente arrotondati.

Pera. Un diamante con taglio a pera ha 58 sfaccettature e viene usato in gioielleria come alternativa al taglio rotondo. La forma è simile a quella del frutto ed è molto utilizzato perché in grado di esaltare la luce dei diamanti.

Princess. Il taglio “princess” è uno dei più recenti, è stato introdotto in gioielleria solo dal 1980 ed è molto popolare soprattutto in Nord America. Il taglio princess è quadrato o rettangolare

Radiant. Il taglio “radiant” unisce le caratteristiche del taglio brillante con quelle del taglio smeraldo, diventa popolare a partire dagli anni ’80. Il radiant è molto usato per tagliare diamanti fancy colorati, ma attualmente viene usato sempre di più anche anche nel diamante bianco

Smeraldo. La forma è rettangolare, con angoli tagliati. È uno dei tagli più antichi: l’origine risale al 1500 quando, i tagliatori di smeraldi scoprirono che un taglio a “scalini” avrebbe permesso loro di tagliare con basso rischio di rottura nonostante l’estrema delicatezza della pietra. Ha tipicamente 50 a 58 sfaccettature.

Se hai letto questa breve guida sei in grado di riconoscere i principali tagli delle pietre, diamanti inclusi.

Hai una pietra da vendere? Invia le foto ai nostri gemmologi ed ottieni una quotazione compilando l’apposito form qui.