Che differenza c’è fra gioielli vintage e antichi

Che differenza c’è fra gioielli vintage e antichi?

I gioielli rappresentano tante cose, tutte insieme: possono essere un oggetto di valore, un dettaglio estetico, un ricordo emotivo o tanto altro. Proprio per questo motivo, compare o possedere i gioielli è un elemento importante nella vita di qualcuno, perché essi ci possono accompagnare per tantissimi anni e in tante situazioni particolari.

In particolare, comprare o possedere dei gioielli che sono di momenti passati rende il tutto ancora più emozionante. In questo modo, si può dare una seconda vita a degli oggetti più vecchi, che potranno donare nuova luce. In più, potrai rivivere e scoprire i segreti e le vite che questi gioielli hanno potuto avere in passato, rendendo quei momenti sempre più immortali. Purtroppo, se non si è dei bravi esperti in materia, è difficile poter distinguere gli oggetti di valore o il loro giusto valore.

Ad esempio, qual è la differenza fra gioielli vintage e gioielli antichi?

Come capire il valore dei gioielli antichi Antico vs Vintage:

come riconoscere le differenze

La principale differenza fra i gioielli antichi e vintage, come può essere facilmente intuibile, è innanzitutto nell’età.

Secondo le regole stabilite dal sistema, spesso si definiscono in questo modo:

  • Gioielli vintage – gioielli che spesso possono avere almeno vent’anni o anche di più.
  • Gioielli antichi – gioielli che risalgono più o meno a cent’anni fa o a una differenza d’età simile.

Bisogna specificare, però, che queste definizioni non sono sempre utilizzate in maniera così rigida, bensì vengono adattate alla situazione o al gioiello in particolare. Ad esempio, se un gioiello non ha specificatamente cent’anni o più, ma ha uno stile antico molto particolare, verrà considerato comunque in questo modo.

Nonostante questa divisione principale, ci sono altri metodi con il quale è possibile distinguere gioielli antichi da quelli vintage, seguendo altri criteri.

Come distinguere gioielli antichi da gioielli vintage

 

Altri due criteri con il quale si può creare una distinzione fra questi due tipi di gioielleria sono il costo del gioiello e il materiale da cui esso è composto.  Infatti, si può affermare che la maggior parte dei gioielli più antichi siano stati prodotti con un tipo di metallo e pietre preziose di alta qualità. Di conseguenza, essi sono riusciti a resistere maggiormente al passare del tempo e costano molto di più. Invece, i gioielli più vintage possono risultare sia composti da pietre preziose vere, sia come normale bigiotteria.

Questo è anche influenzato dal fatto che la bigiotteria è nata in tempi relativamente recenti secondo la storia umana, ovvero verso la fine del periodo Vittoriano. Fu in quei tempi, con la crescita di un ceto sociale non più nobile, ma neanche economicamente svantaggiato, che crebbe la necessità di creare gioielli non molto costosi. Da qui, i gioiellieri cominciarono a costruire prodotti composti da metalli di bassa lega e vetro colorato, così da poter soddisfare i nuovi ceti medi. Con una piccola pausa, resa possibile grazie all’Art Deco’ e dalla crescita dell’artigianato presso ogni ceto della popolazione, la bigiotteria ha avuto sempre più successo, guadagnandosi un posto all’interno dei cuori delle persone.